L’uccello di fuoco

uccello di fuocoLa settimana scorsa sono andata a curiosare anch’io a Tempo di Libri, la fiera dell’editoria organizzata a Milano. Ho visto tanti bei libri di cui vi parlerò, ma quello che vi voglio consigliare oggi, a dire la verità, l’ho scovato in metropolitana, di ritorno dalla fiera, direzione Navigli. Lo sfogliava con attenzione una coppia sulla cinquantina: erano seduti davanti a me, e tenevano questo libro sulle ginocchia, lo leggevano mentre il treno correva, incuranti delle persone attorno a loro che parlavano, giocavano con lo smartphone, sonnecchiavano.

Una copertina così, d’altro canto, non si può non notare: ha la stessa grazia di una ballerina sul palcoscenico di un teatro. E’ un libro maestoso, con inserti d’oro e, proprio come un balletto, non appena inizi a entrare nel vivo della storia, ti rapisce.

Le pagine traforate creano delle magie di carta, raccontando la storia del famoso balletto di Igor Stravinskij con la stessa poesia e delicatezza di un passo sulle punte.

ufuoco1

 

ufuoco5

ufuoco4

Annunci

Il sederone dell’orso Babà

copCome si fa a giocare con un orso tenero e dolce, sì, ma con un sederone così ingombrante che:

-se vuoi guardare la TV occupa tutto il divano

-se vuoi giocare a nascondino, non c’è nascondiglio in grado di contenere il suo ingombrante didietro

-se fa un tuffo in piscina fa uscire tutta l’acqua…

Gli amici di Orso Babà non ne possono più, soprattutto quando con il suo sederone spiaccica la torta della festa!

Ma il bello di questa storia, è che ci insegna come i nostri difetti, il più delle volte, sono ciò che ci rende unici e speciali e anche il sederone di Orso Babà, alla fine, si rivelerà indispensabile per il lieto fine…

1

2

Una cosa difficile

COPERTINAIl libro di cui vi parlo oggi è un libro senza parole, fatto solo di immagini. Una storia che non dice nulla deve essere per forza facile da recepire, forse anche banale, e invece questo albo illustrato tocca uno dei temi più difficili e delicati nelle relazioni umane.

Che cosa sarà questa cosa così difficile da fare e da dire?

Il protagonista è un cucciolo in maglietta e pantaloncini che, con una rotella in mano, deve scalare una montagna scoscesa, mentre attorno a lui infuriano la neve e un vento impetuoso. E’ difficile scalare quella montagna, eppure il piccolo protagonista ce la fa, e raggiunge la cima della collina dove, ad attenderlo, c’è un amico di spalle. Che piange.

Ed ecco che, in un momento, capiamo tutto, capiamo che quella parete montuosa così ripida e scoscesa l’abbiamo percorsa e dovremo percorrerla noi stessi centinaia di volte, anche se è faticoso, anche se è impegnativo, anche se il più delle volte non ne abbiamo voglia. Perché è l’unico modo che abbiamo per tornare in cima alla collina e far cessare il vento.

Lo capiamo anche senza leggerla, quella parola difficile, che campeggia, unica, sull’ultima pagina: SCUSA.

cosa-difficile-2
cosa-difficile-3

 

Storie della buonanotte per bambine ribelli

downloadE’ il libro dell’anno: tutti lo vogliono, tutti ne parlano. Non potevo non leggerlo anch’io, questo libro che tutti vogliono e di cui tutti parlano. Di solito, non mi piace leggere i best seller, e se li leggo, lo faccio molti anni dopo il loro successo.

Ma stavolta mi ha catturato la copertina, le illustrazioni e soprattutto il contenuto: 100 storie di 100 donne che hanno fatto della loro vita ciò che desideravano, superando i pregiudizi e superando se stesse.

Un  potpurri di donne, mi verrebbe da dire: donne scienziate, avvocate, sportive, giornaliste, attiviste politiche, scrittrici… Tutte, però, con qualcosa in comune: la forza di volontà, la voglia di non mollare, l’audacia che accompagna chi crede nei propri sogni.

Sono storie straordinarie, di donne altrettanto straordinarie. Ma la cosa più bella è che fra quelle donne, potremmo esserci anche noi, un giorno.

Alle bambine ribelli di tutto il mondo:

sognate più in grande, puntate più in alto, lottate con più energia.

E nel dubbio, ricordate: avete ragione voi.

2_Bronte_Spread-copy

RG6-1024x7149788804676379_4_0_1000_80